cerca tra le foto
di tutte le collezioni,
per temi, luoghi,
famiglie ed anni
in questa foto
progetto promosso dalla Presidenza della Regione Lazio
www.regione.lazio.it
a cura di
Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico
Museo Centrale del Risorgimento di Roma
media partner
regesta.exe

famiglie laziali

latina e provincia

collezione di GiosuŔ Irace storia della famigliastoria della famiglia

Il mio trisnonno Giovanni Simione nacque a Maranola e qui crebbe lavorando con i genitori il terreno di proprietÓ, coltivando gli ulivi e i frutteti, avendo una cura particolare per il vigneto: apprezzava il buon vino, schietto, tanto che il suo soprannome era "schecco" (parola dialettale indicante schietto). Si spos˛ con un'italiana emigrata in Francia, a Marsiglia. che per mantenere le sue proprietÓ in Italia (Itri . LT) preferý sposare un italiano. Di questa trisavola ancora circola, di generazione in generazione, una ninna nanna in francese. Una curiositÓ: mia madre, Simeone Maria Luisa, nascerÓ quasi 100 anni dopo lo stesso giorno (2 giugno) di questa trisavola (Capotosto Erasma). Il trisnonno Tommasino Giuseppe, anch'esso di Maranola e contadino, spos˛ Rosato D'Urso Rosa, adottata da una famiglia bebestante di Maranola, com'era usanza per i ricchi in quel tempo. Da Simone Giovanni e Capotosto Erasma nacque il bisnonno Francesco, amante come il padre del vino. Egli spos˛ Tommasino Natalina, possidente, e vissero dei frutti delle loro proprietÓ. Dal loro matrimonio nacquero mio nonno Giuseppe, ultimo tra gli altri figli, allevato dalla bisnonna "francese" Erasma. A 17 anni emigr˛ in Germania dove lavor˛ per la costruzione e manutenzione delle strade. Per ottenere il consenso di sposare mia nonna Tomao Antonia dovette sottostare alle imposizioni del futuro suocero (due anni di marina militare in Italia, altri tre anni di lavoro in Germania). L'altro ramo paterno, cioŔ i trisnonni Tomao Carlo e De Meo Antonia, apparteneva a ricchi possidenti terrieri (uliveti) di castellonorato e Penitro (vicino Formia). Dal loro matrimonio nacque il bisnonno Natalino, che spos˛, dopo varie difficoltÓ, la bisnonna Filosa Rosa, di umili origini (era stato mandato anche ad arruolarsi nei regi carabinieri in Sardegna). A causa di una bomba esplosa in giardino che stava lavorando, dovette abbandonare l'arma e trovare lavoro presso l'ufficio anagrafe comunale. La bisnonna trov˛ impiego come bidella nella scuola elementare di Penitro. Dalla loro unione era nata la mia nonna Antonia che dovette allevare i fratelli pi¨ piccoli e frequent˛ le scuole fino alla quinta elementare. Essa a 14 anni and˛ a lavorare nel pastificio Paone di Formia e a 18 anni spos˛ mio nonno Simeone Giuseppe. Il trisavolo Filosa Pasquale viveva in una grande casa colonica di Castellonorato e spos˛ Treglia Pasqualina, originaria di Scauri Minturno. Emigr˛ per cinque anni in U.S.A. fino allo scoppio del secondo conflitto mondiale quando, ritornato in Italia, fu fucilato dai tedeschi durante la ritirata. Ebbe tre figli tra cui Rosa, l'unica bisnonna ancora in vita (ha 80 anni).
Dal lato paterno il trisavolo Luigi Irace, farmacista, spos˛ Caterina Petruccelli ed ebbero 13 figli tra cui il bisnonno Amilcare Irace. Egli si spos˛ a 45 anni per non pagare la tassa sul celibato. CombattŔ durante il primo conflitto mondiale ma morý per una banale infezione ad una gamba a soli 53 anni. Spos˛ Izzo Amalia da cui ebbe tre figli tra cui mio nonno Tancredi che ha vissuto sulla sua pelle le difficoltÓ della Seconda guerra Mondiale (occupata la lorop casa dai tedeschi furono sfollati a Cellole [CE]) Mio nonno Tancredi Ŕ stato maresciallo dell'areonautica a Roma, dove conobbe mia nonna Mirella De Angelis. La madre di mio nonno Tancredi (Amalia detta "donna" Malietta) era figlia di un signorotto di Cellole, molto ricco e molto geloso di sua moglie (Saccareccia "donna" Antonia) segregata in casa. Mia nonna Mirella mi racconta che suo padre (il bisnonno Basilio De Angelis) era molto sincero tanto che fu coastretto a congedarsi, mentre era in finanza, per non avere voluto salutare il podestÓ ritenuto da lui persona indegna. Il bisnonno Basilio aveva sposato Del Conte Veronica, figlia unica, che fu mandata come dama di compagnia presso la maestra del paese (Montenero Sabino - Rieti). grazie a questo impar˛ a leggere e scrivere (cosa rara a quei tempi). Da sposata abit˛ vicino le mura del castello del paese e strinse amicizia con la famiglia Orsini. Per questa famiglia confezion˛ trapunte, materassi e manufatti in lana. La figlia Mirella (mia nonna) ha ereditato queste attitudini. Da Mirella e Tancredi Ŕ nato mio padre Amilcare, diplomato geometra; ha un'azienda per la posa in opera di parquet.
GiosuŔ Irace
          
Pasqualina Treglia in posa
1938 ca.Pasqualina Treglia in posa

Pasqualina Treglia in posa con un vestito lungo scuro.

le altre foto della collezione di GiosuŔ Irace

  • 1890 ca. Ritratto in studio
  • 1936 Adele Natalino Tomao in posa con un suo compagno d'armi con la divisa da carabiniere
  • 1938 ca. Pasqualina Treglia in posa
  • 1944 Rosa Filosa in posa con la piccola Antonia Tomao
  • 1956 ca. Giuseppe Simeone in posa con un cuginetto al circolo sportivo giovanile "Maranola"
  • domenica, 6 set. 1959 Giuseppe Simeone in posa con gli amici del circolo sportivo giovanile "Maranola"
  • 1960 Giuseppe Simeone al lavoro per il rifacimento stradale con dei connazionali
  • domenica, 6 mar. 1960 Mirella De Angelis in posa con la motocicletta
  • giovedý, 20 lug. 1961 Matrimonio di Mirella De Angelis e Tancredi Irace
  • giovedý, 20 lug. 1961 Matrimonio di Mirella De Angelis e Tancredi Irace
  • ago. 1961 Mirella De Angelis e Tancredi Irace in posa sulla spiaggia
  • venerdý, 25 gen. 1963 Mirella De Angelis e Amilcare Irace in posa nel giardino di casa
  • 1963 Amilcare Irace in posa sul girello vicino l'automobile Fiat Topolino
  • 1963 Amilcare Irace in posa sul seggiolone
  • 1964 Amilcare Irace sulla spiaggia con due vicine di casa
  • venerdý, 17 lug. 1964 Amalia Izzo in posa coi nipotini
  • 1965 Rosa Rosato D'Urso in posa nel giardino di casa dopo una nevicata
  • 1965 Ritratto della famiglia Tomao
  • sabato, 23 apr. 1966 Matrimonio di Giuseppe Simeone e Antonia Tomao
  • sabato, 23 apr. 1966 Matrimonio di Antonia Tomao e Giuseppe Simeone
  • sabato, 23 apr. 1966 Matrimonio di Antonia Tomao e Giuseppe Simeone
  • set. 1967 Ritratto della famiglia Tomao
  • domenica, 22 giu. 1969 Battesimo di Maria Luisa Simeone
  • 1970 ca. Natalina Tommasino e Francesco Simione in posa fuori casa
  • 1973 La famiglia Irace in posa fuori casa con degli amici di famiglia
  • 1974 La famiglia Simeone in gita al Santuario della Madonna della Civita
  • 1977 Bambine alla sagra dell'Arancio
  • martedý, 2 giu. 1987 Maria Luisa Simeone compie diciotto anni
  • 1990 Veronica Del Conte in posa nel rustico
  • sabato, 15 mag. 2004 Prima comunione di GiosuŔ Irace